Skip to main content

La competizione spinge le persone a dare il meglio di sé.
La concorrenza costringe gli individui a migliorarsi per assicurarsi risorse, attenzione e status . La competizione ti assicura che stai facendo del tuo meglio per eccellere in qualsiasi cosa desideri fare. Competendo con gli altri, ti adatti, impari e cresci .

E ricorda, competizione non significa una società senza cooperazione. Puoi avere una società generosa , gentile e capace in cui gli individui competono. Pertanto, la concorrenza non è un netto negativo. La nostra civiltà migliora quando gli individui lavorano continuamente al proprio lavoro, alle proprie relazioni e alle proprie capacità. Una società in cui nessuno deve competere è una società di individui pigri e autorizzati che non ammonteranno mai a nulla.

PERCHÉ DOVRESTI COMPETERE CON TE STESSO?

Più migliori te stesso, più controllo potrai avere sulla tua vita.
La concorrenza è inutile e distruttiva se usata per confrontare standard impossibili. Quando persegui l’auto-miglioramento , non dovresti paragonarti a chi è qualcun altro oggi, soprattutto se hai appena iniziato il tuo viaggio.
Ad esempio, se ti impegni in palestra , è autodistruttivo paragonarti al personal trainer con una confezione da sei. Il tuo confronto non considera il lavoro del formatore, da quanto tempo si esercita o la sua esperienza. Confrontando te stesso, un principiante, con un esperto, stai confrontando mele e arance. Ma ti scoraggerai quando non vedrai risultati immediati nel tuo regime di esercizio.
Il modo migliore per prevenire questa distruzione è la competizione con te stesso. Capisci i tuoi obiettivi finali , conosci i tuoi desideri e puoi facilmente monitorare le tue azioni. Sai se ci stai impegnando abbastanza, le tue responsabilità e quanta passione hai per ogni obiettivo. La tua intima conoscenza di te stesso rende la competizione personale lo stato mentale ideale quando cerchi il miglioramento personale .
Pertanto, dovresti considerare tre idee quando pensi di competere con te stesso.

IN PRIMO LUOGO, CERCA QUALCOSA DI SIGNIFICATIVO SU CUI COMPETERE

La competizione senza scopo porterà al burnout. Hai bisogno di un grande obiettivo da perseguire; altrimenti diventerai amareggiato e annoiato.
“Se non hai intenzione di andare fino in fondo, perché andare?” – Joe Namath
La concorrenza è inutile se si fa su cose che non sono importanti. Non dovresti mai concentrare i tuoi sforzi di auto-miglioramento su aree che non servono i tuoi fini virtuosi . Rimettersi in forma, essere un partner migliore, raggiungere i tuoi obiettivi creativi e così via sono cose che dovresti migliorare.
Quando ti concentri su ciò che puoi controllare e su ciò che ti rende migliore, puoi rimanere ispirato e umiliato dai progressi che farai.

IN SECONDO LUOGO, LASCIA CHE L’AUTOCOMPETIZIONE INIZI CON IL TUO IMPEGNO INVECE DI SVILUPPARE ABILITÀ GREZZE

Devi creare un’abitudine all’eccellenza prima di misurare i tuoi progressi.
Non dovresti mai giudicare i tuoi sforzi in base all’abilità grezza. Inizia sempre la competizione con impegno, investimento di tempo e concentrazione. Una volta che hai consolidato la tua dedizione e aumentato le tue competenze, puoi iniziare a guardare alla crescita delle tue abilità .
Perché ossessionare la dedizione? Perché quando inizi a competere con te stesso, raramente sei un esperto. Come fai a sapere se stai migliorando e quali metriche puoi utilizzare per definire tale miglioramento? Certo, puoi andare in palestra e tenere traccia dei pesi che sollevi. Ma come dovresti sollevare? Su quali gruppi muscolari dovresti lavorare e in quali giorni? Quale obiettivo finale hai in mente? È più facile rispondere a queste domande man mano che sviluppi l’abitudine.
Se sei ossessionato dalla tua dedizione, imparerai naturalmente come rispondere a questo tipo di domande e creerai un regime per tenere traccia dei tuoi progressi.
Tutto ciò che desideri migliorare richiederà la tua attenzione e il tuo tempo. Non puoi competere se non ti impegni ogni giorno. Pertanto, assicurarti di essere più coinvolto oggi rispetto a ieri ti darà le basi di cui hai bisogno per sviluppare le tue capacità, migliorare il tuo comportamento e diventare un individuo migliore.

INFINE, RICORDA DI TENERE TRACCIA DELLA TUA AUTO-COMPETIZIONE

Tieni traccia dei tuoi progressi, così puoi vedere fino a che punto sei arrivato e quanto ancora devi andare.
Una volta che hai determinato cosa fare e hai sviluppato l’abitudine di farlo, il passaggio più cruciale è tenere traccia dei tuoi progressi. Tenere traccia dei tuoi progressi ti assicura di poter competere direttamente con te stesso, giorno dopo giorno.
Annotare gli obiettivi in un diario è la cosa migliore . Inoltre, impegnati a scrivere i tuoi pensieri sulla tua performance – nota dove hai vacillato mentre festeggia dove hai avuto successo. Non astenersi dall’autocritica o dall’orgoglio razionale . E l’ obiettivo che stai cercando di raggiungere determinerà la tua competizione e il modo in cui seguirai i progressi. Questo enigma è il motivo per cui dovresti concentrarti sull’impegno invece che sull’abilità grezza.
Più lavori per raggiungere un obiettivo, meglio puoi cogliere quali parametri determinano meglio i tuoi progressi . Quando tieni traccia delle tue azioni, sei connesso a chi stai diventando .

RICORDA, L’AUTOCOMPETIZIONE RIGUARDA PRINCIPALMENTE IL PROGRESSO

Non ascoltare le persone deboli. La competizione darà uno scopo alla tua vita mentre persegui ciò che è significativo.
“Un uomo creativo è motivato dal desiderio di raggiungere, non dal desiderio di battere gli altri”. – Ayn Rand
La concorrenza impone il progresso. Migliorando ogni giorno , progredirai verso gli obiettivi che vuoi raggiungere. L’auto-miglioramento è fondamentale per una vita significativa e felice .
Se cerchi sempre di essere la versione migliore di te stesso, avrai successo . Quindi gareggia. Non perdere tempo a confrontarti con gli altri. Concentrati semplicemente sull’essere migliore oggi di ieri e eccellerai.

“Non competere mai con qualcuno che non ha niente da perdere.” – Baltasar Graziano

Autore

  • Francesco Bonomelli

    Ciao, sono un mental coach specializzato nell'accompagnamento degli over 50 nel loro percorso di crescita personale e professionale. Dopo aver vissuto personalmente l'ansia e la paura del cambiamento, ho sviluppato tecniche efficaci per superare queste difficoltà e trovare il coraggio di esprimere il mio vero potenziale. Attraverso il mio percorso, aiuto le persone a liberare la loro ispirazione, aumentare la motivazione e ottenere serenità e fiducia in se stessi. Una volta terminato questo primo step, lavoro con i miei clienti sul loro personal brand in modo che riescano a comunicare la nuova persona che sono diventati affinché riescano a proporre con sicurezza e successo i propri prodotti ed i propri servizi.

Crescere con l'arte

Il Cammino della Vita

Il cammino della vita Poesia di Vittorio Bertaiola – Recitata da Francesco Bonomelli (altro…)
Crescita personale

Niente rimane lo stesso: adattarsi al cambiamento è difficile

Un mio amico è a pochi giorni dal suo sessantesimo compleanno. Te ne sto parlando…
Mindfulness

Meditazione – Consapevolezza del respiro

Caro amico/a, questa meditazione guidata, accompagnata da una delicata melodia, offre un viaggio profondo nell'arte…