Skip to main content

Quando ti ritrovi a pensare \” Non sto facendo abbastanza\”, ecco alcune cose che possono aiutarti:

1. Smetti di allungare così tanto la tua lista di cose da fare. Fai meno cose.

Quando lavori su un sacco progetti contemporaneamente, corri il rischio di sentirti come se non stessi facendo progressi, questo perchè suddividere la propria attenzione su più cose rende difficile andare avanti e ci rallenta inevitabilmente. Per progredire è necessario avere focus dedicandosi a meno cose se non addirittura ad una sola.

Quindi smettila di soffocarti con mille impegni e fai meno cose. Forse stai pensando: \’Non posso, ho troppe cose da fare… come faccio a sapere su cosa concentrarmi? La risposta non posso certo dartela io, solo tu puoi farlo e se guardi bene, ce l’hai dentro di te, la conosci già, solo hai deciso di non prestarle attenzione.

Per trovare la risposta, prima di cominciare a lavorare, poniti sempre una domanda: “cosa ho assolutamente bisogno di fare.

Ci sono sempre mille cose che si potrebbero fare ma la maggior parte di queste possono aspettare. Concentrati su ciò che è necessario. Concentrati su ciò che si adatta alla visione che hai della tua vita, del tuo lavoro, della tua carriera, della tua famiglia e della tua salute. 

2. Stabilisci confini e aspettative realistici per te stesso.

Non puoi fare tutto. Sii realistico con la quantità di tempo ed energia che puoi dedicare alle cose. Qualunque cosa tu stia facendo è già abbastanza.

Quando ti capita di pensare d’essere indietro pensa a ciò che hai già realizzato nell\’ultimo anno. Pensa a come sei cambiato e cresciuto negli ultimi cinque anni.

Smetti di confrontare la tua vita con quella di tutti gli altri e stabilisci aspettative che sai di poter soddisfare, indipendentemente da ciò che pensano gli altri.

3.Tieni traccia di dove va il tuo tempo.

Se arrivi spesso alla fine della settimana e ti chiedi se hai realizzato qualcosa, tieni un registro di ciò che fai quotidianamente. Ho monitorato il mio tempo per una settimana e mi sono reso conto che stavo spendendo molto tempo su cose di scarsa importanza. Spesso non ci rendiamo conto ma dedichiamo le nostre attenzioni a cose che a noi non interessano e questo ci fa sprecare tempo.

Valuta il tuo tempo e vedi dove stanno andando i tuoi sforzi. Stai impiegando il tuo tempo in modo proficuo per te oppure stai spendendo il tuo tempo in modo sbagliato?

Se pensi di spenderlo nel modo sbagliato sei già a buon punto, non ti resta che prendere carta e penna e pianificarlo suddividendolo in blocchi e priorità. Se non hai idea da dove cominciare fai una ricerca in rete, troverai mille spunti utili in forma di articoli, libri o video ma non commettere l’errore di aspettare d’aver imparato per cominciare. 

Come ti ho detto poco fa l’ordine d’importanza corretto da attribuire alle cose che devi fare è già dentro di te devi solo essere onesto con te stesso ed ogni volta che ti trovi davanti ad una nuova mansione da svolgere chiediti quanto ciò che stai per fare ti è utile per raggiungere il tuo scopo.

Non è vero che abbiamo poco tempo: la verità è che ne sprechiamo molto

Seneca

Autore

  • Francesco Bonomelli

    Ciao, sono un mental coach specializzato nell'accompagnamento degli over 50 nel loro percorso di crescita personale e professionale. Dopo aver vissuto personalmente l'ansia e la paura del cambiamento, ho sviluppato tecniche efficaci per superare queste difficoltà e trovare il coraggio di esprimere il mio vero potenziale. Attraverso il mio percorso, aiuto le persone a liberare la loro ispirazione, aumentare la motivazione e ottenere serenità e fiducia in se stessi. Una volta terminato questo primo step, lavoro con i miei clienti sul loro personal brand in modo che riescano a comunicare la nuova persona che sono diventati affinché riescano a proporre con sicurezza e successo i propri prodotti ed i propri servizi.

Lavoro

Tipologie di Coaching. Quanti tipi di coach esistono?

Il mental coaching è una disciplina in continua evoluzione e ci sono molte tipologie di…
Benessere

La sindrome di burnout

La prima volta che avevo sentito parlare di sindrome di burnout avevo 30 anni, me…
Crescita personale

Evitare gli errori

Recentemente ho visto un documentario in cui si metteva in evidenza come molte società del…