Skip to main content

So che questa idea non è rivoluzionaria, ma è una tecnica che voglio riportarti perché si basa sulla mia esperienza personale. Da quando l\’ho scoperto un paio di anni fa, utilizzo costantemente la musica per concentrarmi di più, la metto in sottofondo e mi aiuta ad affrontare quelle parti del mio lavoro un po\’ noiose ma soprattutto mi aiuta ad essere più creativo. 

Esatto, proprio così, la musica può rendere piacevoli anche i lavori più noiosi e può aiutare a liberare la creatività.

Ho notato per la prima volta gli effetti benefici della musica mentre stavo scrivendo il mio libro sul digital marketing. Era la fine dell’estate e in un paio di settimane ero riuscito a scrivere solo due capitoli. Non ricordo bene come sia successo ma ad un certo punto decisi di mettere in sottofondo un po\’ di musica. Dopo pochi minuti ho notato un netto cambiamento nel fluire dei miei pensieri. Stavo scrivendo in modo più naturale. Non esitavo più su ogni singola frase, ho cominciato a scrivere basandomi solo sull’istinto. La musica mi ha rilassato e in una certa misura mi ha distratto dai mille ragionamenti, permettendo al mio talento subconscio di emergere. La musica mi ha anche aiutato a bloccare il mondo esterno e mi ha permesso di passare da un argomento all’altro senza distrazioni, pensieri o azioni inutili.

Il filosofo tedesco Leibniz affermò che la musica è il piacere che la mente umana prova quando conta senza essere conscia di contare. La musica, in effetti, non è soltanto un\’arte, ma anche una disciplina profondamente permeata di aspetti scientifici, e in particolare matematici. Credo che questo sia anche il motivo che fa sì che la musica aumenti la concentrazione e la creatività. Anche se non le prestiamo molta attenzione, il nostro cervello conta ogni nota e cambio di ritmo. Questo conteggio occupa la parte della mente che ostacola le nostre capacità creative. Come una ninna nanna rilassante, la musica fa addormentare la parte preoccupata e sfocata della mente in modo che il lato produttivo possa mettersi al lavoro.

La musica può anche avere un profondo effetto sull\’umore. La uso spesso quando sono di cattivo umore, riesce a distrarmi dal momento e a rendermi una persona più felice. Lo stesso vale quando sto facendo dei lavori manuali come giardinaggio e bricolage, in questi casi preferisco ascoltare del rock perchè mi da energia, quel genere di energia che non ti consente di rimanere fermo e che vorresti sfogare ballando come un matto.

Per concentrarmi su un compito creativo, ho scoperto che ascoltare musica senza testi è più efficace. Non ci sono parole che rischiano di attirare bruscamente la tua attenzione e la musica strumentale tende ad avere delle melodie più avvincenti. 

Quando lavoro o scrivo ho sempre il mio smartphone a portata di mano. Uno dei grandi vantaggi della tecnologia d’oggi è che mette nel palmo della nostra mano tutta la musica esistente.  Se ho difficoltà a concentrarmi a causa di distrazioni esterne o del mio cervello distratto, metto un po\’ di musica classica. Questo rilassa la mia mente, blocca i rumori esterni e aiuta a organizzare i miei pensieri. Mozart funziona molto bene, e ho sentito dire che questo è dovuto al fatto che i ritmi della sua musica risuonano con le onde cerebrali umane. Che sia vero o meno, la musica classica è un ottimo strumento per aumentare la concentrazione e la produttività.

I risultati che vedrai dipenderanno molto dai tuoi gusti personali. Durante le tue attività sperimenta i generi di musica che normalmente ascolti ma spazia anche verso generi diversi. Crescendo si cambia, infatti si usa dire che ogni lustro cambia gusto. Dieci anni fa non amavo ascoltare la musica classica e il jazz, ora si, quindi anche tu prova qualcosa di nuovo senza preconcetti. Attraverso tentativi ed errori alla fine scoprirai la tua colonna sonora ottimale. 

Sono sempre alla ricerca di nuovi metodi che mi aiutino a migliorare la mia  concentrazione, quindi mi piacerebbe sapere quale tipo di musica o altra tecnica funziona meglio per te. Scrivilo qui nei commenti. 

Spero che anche questo video possa averti dato degli utili spunti utili. In conclusione ricorda che la musica ha una grande forza, ha il potere di cambiare il tuo stato d\’animo, ha il potere di renderti felice ma anche di renderti triste. In entrambi i casi può influenzare il tuo umore e la tua produttività. Quindi usala al meglio per essere più produttivo, felice e… intelligente.

Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere, la musica lo esprime. (Victor Hugo)

Autore

  • Francesco Bonomelli

    Ciao, sono un mental coach specializzato nell'accompagnamento degli over 50 nel loro percorso di crescita personale e professionale. Dopo aver vissuto personalmente l'ansia e la paura del cambiamento, ho sviluppato tecniche efficaci per superare queste difficoltà e trovare il coraggio di esprimere il mio vero potenziale. Attraverso il mio percorso, aiuto le persone a liberare la loro ispirazione, aumentare la motivazione e ottenere serenità e fiducia in se stessi. Una volta terminato questo primo step, lavoro con i miei clienti sul loro personal brand in modo che riescano a comunicare la nuova persona che sono diventati affinché riescano a proporre con sicurezza e successo i propri prodotti ed i propri servizi.

Crescere con l'arte

Il Cammino della Vita

Il cammino della vita Poesia di Vittorio Bertaiola – Recitata da Francesco Bonomelli (altro…)
Crescita personaleOver 50

Il potere delle intenzioni quotidiane

Le intenzioni quotidiane sono un modo potente per rimanere concentrati sui nostri obiettivi. Quante volte…
Crescita personaleOver 50

Perchè il coaching è utile

Il coaching può servire anche a te per un sacco di buoni motivi, ora te…